16. incontro col Maestro (02.03.2012)

Quando nei giorni precedenti ci siamo accordati sul nostro incontro, non ci credevo, visto i precedenti tentativi sempre falliti, sinceramente in cuor mio, non credevo che potesse avvenire fin quando non me lo sarei trovato di fronte. Anche questa volta sono andata all’incontro senza pensieri, solo con il desiderio di godermi il qui ed ora senza patturnie preoccupazioni o altro nella mia testolina.

Il giorno precedente il ns incontro abbiamo cercato di sentirci almeno telefonicamente ma ahimè i contrattempi lo hanno impedito quindi ci siamo sentiti via sms ed email per darmi le disposizioni in merito all’appuntamento.

La notte precedente non ho dormito molto, ho cercato di immaginare come potesse avvenire, cosa potesse accadere, fantasie che mi hanno eccitato e non mi hanno permesso di dormire, hanno solo e semplicemente stuzzicato le mie voglie di Lui e delle Sue mani.

Incontro al Mac per tutti e tre (Lui, io e la mia Amica speciale diciamo), mi telefona e già faccio la mia prima gaffe della serata in quanto involontariamente gli ho chiuso il telefono in faccia (odiosi touch screen che ti fanno combinare casini…), quando lo vedo arrivare, ci guardiamo negli occhi, lo saluto con tre bacini, c’è per entrambi un momento di imbarazzo, di perplessità, io stentavo a crederci di averlo davanti a me.

Durante il tempo che abbiamo fatto colonna, ed eravamo al tavolo a mangiare, si è messo seduto accanto a me, spesso con la coda dell’occhio lo fissavo incredula del fatto che finalmente me lo potessi trovare di fronte, Lui finalmente di fronte a me, ed io al Suo cospetto woow il pensiero mi fermava il respiro….

Finalmente dopo la breve cena arriva il momento di andare al motel, di spostarci nel nostro Paradiso come lo chiamo io, entriamo tutti e tre in stanza io avevo una sensazione tra un misto di paura ed eccitazione.

Entriamo Lui si siede in maniera molto rilassata sul divano in attesa di entrambe, io comincio a togliermi le cose, preparo il materiale che avevamo portato con noi, mi rivolgo a Lui e gli chiedo cosa volesse che facessimo mi sento rispondere che avevo già iniziato e sapevo cosa dovevo fare.

Visto che in questi mesi è passato il Suo compleanno per stupirlo ho voluto fargli una sorpresa, anzi… mmm ahimè non avevo potuto organizzare per provarlo ma tra le risate di entrambe ci siamo riusciti a farmi mettere un body tipo bondage, fatto di pelle che ho indossato e mi sono posta al suo cospetto e la mia Amica completamente nuda.

Non potete immaginre la felicità nel vedere il Suo volto soddisfatto e compiaciuto di questo regalo, e l’emozione nel sentirmi dire che “mi stava decisamente bene”, condita dalla sua espressione compaciuta, eccitata e felice.

L’emozione inizialmente più intensa è stata quando ha appoggiato le sue mani sui miei capezzoli e li ha torturati, paradossalmente sembrava che avesse fatto quello il giorno prima, sembrava che tutti questi mesi non fossero mai manco passati, come reagivano di propria iniziativa i miei capezzoli, le Sue mani per sculacciarmi.

L’intensità di sensazioni quando mi ha provato addosso il frustino nuovo che gli ho regalato, pensate che quel frustino a in cima un cuoricino con dei fronzoli di cuoio attaccati danno una sensazione quei fronzoli quando ti vengono fatto appena appena come sibillare addosso, il colpo deciso delle frustate che mi ha donato su tette, capezzoli, fica, culo…

Il mio corpo sentiva la necessità di questo, fremeva interiormente per questo, non ha mai reclamato, devotamente in piedi senza reclamare, mantendo la posizione eretta come si compete ad una schiava devotamente fedele al Padrone a cui Appartiene.

Sono state eccitazioni intense, quando ci ha legato fra di noi attraverso una molletta ai capezzoli, quando ha posizionato un peso su questa molletta, quando ci ha messo una di fronte all’altra e ci ha fatto sitmolare a vicenda, una sensazione particolare, stimolare un altra donna che è posta di fronte a te, e cercare di venire all’unisono nello stesso momento.

Quando dosava torture a me e torture a lei, con quella percezione di essere torturate in egual misura, e con modalità simili ma mai uguali, ha sempre avuto la capacità di variare la tortura a seconda se fossi io e lei.

E arrivato in seguito il momento di mettersi sul letto a novanta gradi col culo rivolto alle sue Mani, alle sue torture, con la frusta, con le Mani, coi giochini un insieme di emozioni intense.

Mi capitava spesso di guardarlo con la coda dell’occhio per capire, per cercare di estrapolare dai Suoi occhi le emozioni che provava, nei Suoi occhi spesso si leggeva eccitazione, soddisfazione nel saperci entrambe al Suo cospetto, nelle Sue Mani, in balia dei Suoi desideri e delle Sue Voglie.

Dopo il momento delle torture al culo, è arrivato il momento dell’eccitazione piu Grande, godere con dentro Lui nelle nostre viscere, mentre nel contempo venivo leccata e succhiata da lei, stimolandomi il clitoride e le tette mentre Lui mi impalava per bene. Prima io con Lui e poi la mia Amica con Lui  con me che si occupava del suo clitoride e delle sue tette.

Che piacevole sensazione tre persone che godono all’unisono, che stimolano, eccitano, fanno provare emozioni intense al Padrone a cui si Appartiene.

Un avvicendarsi di posizioni, di Umori, di emozioni, di trasgressione, un piacere immenso non so dirvi quante volte ho goduto, quante volte il mio corpo ha avuto dei fremiti al contatto delle Sue mani, delle mani della mia Amica, della sua lingua, non so proprio dirvi….

Ci sono due momenti intensissimi, quando Lui era dentro di lei ed io sopra di lei a 69 che mi facevo leccare la fica, situazione decisamente hot e mai provata e quando con grande soddisfazione mia, ho avuto il piacere di dedicarmi a Lui, al suo cazzo e dargli piena soddisfazione alternandoci a leccarlo, mentre lei gli leccava il cazzo io gli leccavo i testicoli e viceversa.

Finalmente mi sono fatta perdonare per l’incredibile mancanza dell’ultimo incontro che mi è costato assai caro…

Molte cose mi hanno stupito di quella sera, che anche se alcune volte provavo a fare da spettatrice yoveurista venivo puntualmente richiamata alla presenza da Lui, son quasi sempre stata la persona da cui partiva per torturarmi, il tempo non ha svanito la mia devozione, la mia modalità di agire nei suoi confronti, il tempo è come se si fosse fermato all’ultimo incontro avvenuto quasi 4 mesi fa a settembre.

E incredibile quanto malgrado due persone possano essere lontani e separati dai problemi lavorativi quotidiani, ma al momento che i loro sguardi ed i loro corpi si uniscono e come se quel tempo non fosse mai passato e il video di quel film si fosse semplicemente messo in PAUSA.

MI auguro infinitamente di averti dato molto quella sera Padrone, come tu hai donato tantissimo a me, di averti reso fiero ed orgoglioso di me, ringrazio infinitamente la mia Amica speciale che mi ha donato anche lei tantissime emozioni, è stato spettatrice attiva di questo momento cosi intenso di emozioni, di vibrazioni, di trasgressione e di godimento allo stato puro.

Grazie infinitamente ad entrambe e non smettero mai di dirti Padrone che sei un Grande Signore! ti adoro infintimamente. Umilmente sempre tua fedelmente e devotamente dolceslave

il nostro paradiso

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...