03.04.2016 26. Incontro col Padrone (seconda parte)

I momenti che trascorro con Lei sono sempre fonte di nuove esperienze, di emozioni e di rinascita per me Padrone.

Quando sono lontana da Lei mi sento incompleta, perché anche se Lei è dentro di me quotidianamente nei miei pensieri, sento che la Sua presenza fisica mi fa sentire completamente me stessa e completa Padrone.

In certi momenti quando sto un po’ di tempo senza vederLa, ultimamente sempre per i miei problemi di salute, quando La reincontro dentro di me affiora la paura di ricommettere gli errori che facevo da neofita, per questo motivo quasi sempre quando ci rivediamo sono sempre un po’ sulle mie silenziosa, per paura di rifare gli stessi sbagli e rischiare la punizione Padrone.

La prima parte del nostro incontro avviene come al solito, giro al centro commerciale e pranzo insieme, che mi arreca sempre grandi emozioni per poter riassaporare la Sua compagnia Padrone.

Per questa sessione mi fate preparare facendomi indossare gonna lunga, camicia bianca, scarpe col tacco, capelli raccolti, senza trucco solo il rossetto rosso, niente autoreggenti, collare ad anello l’ultimo che mi ha regalato Padrone.

Arrivati al motel, entriamo in stanza, mi fate sistemare le cose e Lei si sdraia sul letto e mi ordinate di sistemarmi in ginocchio di fianco al letto ed iniziate a schiaffeggiare entrambe le tette con le Sue sapienti mani Padrone.

Sento che pian piano malgrado le mestruazioni la mia fica si bagna sotto le Sue sapienti cure Padrone.

Dopodiché mi ordinate di mettermi sopra di Lei con le tette in modo che possano avvolgere il Suo cazzo e questa posizione mi eccita da morire Padrone.

Prendete in mano le poppe e iniziate a fare una spagnola stimolando con le tette il Suo cazzo, mentre Lei fa ciò mi ordinate di leccarLe il cazzo in modo che venga stimolato ed alternate la masturbazione del Suo cazzo allo scoparmi in bocca ed alle mie leccate Padrone.

Con voracità e gusto attraverso le mie poppe, le leccate, gli schiaffi quando non riesco a LeccarLa come si deve, arrivate ad avere un orgasmo intenso che Lei si schizza direttamente sulla Sua pancia Padrone.

Che emozione ed eccitazione vedere la Sua sborra sulla Sua pancia, che fremito guardarLa e non poterLa gustare senza il Suo ordine Padrone.

L’ho fissata per un tempo indeterminabile e con voglio golosa di poterLa gustare, saggiare con la mia lingua, la Sua sborra che per me è come nettare degli Dei, che è arrivata con le Sue sapienti mani, ma anche con le mie leccate, le mie poppe che mi Vi hanno eccitato e stimolato Padrone.

Sorridente nel vedermi cosi fremente, come una bambina piccola che vede il gelato per la prima volta è chiede alla mamma di poterlo avere, mi sento così piccola e golosa quando vedo la Sua sborra ed il Suo cazzo Padrone.

Che ci posso fare sono porcella, e non lo nego mai con Lei Padrone.

Finalmente arriva il momento in cui posso goderne appieno e con voracità lecco ogni goccia di sborra che ricopre il Suo addome rischiando anche di farLe solletico in alcuni punti Padrone.

Dopo mi sento appagata e nutrita dalla Sua panna Padrone.

Grazie infinite per avermi concesso di nutrirmi di Lei e della Sua sborra Padrone.

In seguito alla Sua sborrata e dopo un momento di relax dopo questo intensa attività, mi mostrate i nuovi regali che avete in serbo per me Padrone.

Mi ha comprato una nuova maschera con solo la bocca scoperta, un nuovo giocattolo che costituito di un collare a strep, con fascia sulla schiena con attaccate degli anelli in modo da poter inserire delle corde che finisce con delle polsiere regolabili ed in ultimo un paio di parigine nere Padrone.

Mi sistemate addosso il nuovo giocattolo passandomi la corda tra le tette e dietro la schiena, inserendolo negli anelli situati sulla fascia dietro la schiena, mi fate indossare la maschera, ballgag, mi fate sistemare davanti a Lei in piedi mi colpite i seni dapprima con il cane, in seguito ha provato ad applicare le pinze hai capezzoli ma li ho tollerati poco quindi ho subito detto la safe e Lei me li ha levate, ha fatto colare la cera sulle tette, provocando in me una grande eccitazione Padrone.

Dopo i brividi della cera, ha di nuovo colpito i seni con il filo elettrico che fa sempre il suo peccaminoso lavoro dando un bel colpo intenso e che arreca un bruciore pazzesco e la cinghia per dare il colpo di grazia ai miei umori Padrone.

I colpi sono meno intensi di quando ho passato la sessione per diventare Luna crescente, ma il mio corpo non essendo più cosi allenato e in forma ne risente per cui più spesso di quanto facevo una volta ho detto la safe e Lei prontamente si è fermato per lasciarmi il tempo di far riprendere il corpo Padrone.

Grazie infinite per la Sua pazienza e per il Rispetto che ha per la Sua schiava nel fermarsi quando dico la safe Padrone.

Finita questa pratica mi fate sistemare sul letto, sdraiata a pancia in su con un certo fremito addosso e incuriosita dal fatto che non so mai cosa mi aspetta quando sono nelle Sue sapienti mani, tra le Sue indicazioni per la sessione c’era il fatto di portare aghi, disinfettante e cotone, per cui mi aspettavo un pochino aghi nei seni ma non mi sarei mai aspettata che gli aghi sarebbero stati infilati nei miei capezzoli Padrone.

Quindi come prima scritto, dapprima ha posizionato su entrambi i seni le famose pinze di cui ho parlato in precedenza ed in seguito ha iniziato col seno dx infilandoci dapprima un ago e poi un secondo ago, ammetto che ho sentito inizialmente una sensazione di pizzicore associato a calore quando ha introdotto l’ago ma una volta dentro non ho sentito più nulla, non ho avvertito neanche il dolore della pinza che stringeva Padrone.

Ovviamente dopo esserVi occupato del seno dx è arrivato il momento di quello sx, nel quale avete introdotto un altro ago questa volta uno solo Padrone.

Non mi sono subito resa conto del fatto che Lei ha posizionato gli aghi nei capezzoli, ho sentito semplicemente un brivido quando ha applicato le pinze ed un pizzicore come dicevo prima quando ha introdotto gli aghi Padrone.

Anche nel momento di togliere gli aghi è stato talmente bravo e capace di non aver sentito niente nel momento di toglierli Padrone.

Un altro step è stato quando mi avete ordinato di mettermi a 4 zampe sul letto e mi ha inizialmente schiaffeggiato il culo per poi passare al cane, seguito dal filo elettrico che mi provoca sempre dei bruciori pazzeschi Padrone.

Una volta che Lei si è dedicato per bene al culo, mi fate alzare in piedi davanti a Lei, si è ben divertito con le poppe che Le Appartengono strizzandomi le tette mi avete concesso di venire con ben due orgasmi liberatori che mi hanno portato fino alle lacrime Padrone.

Grazie mille per avermi concesso di venire sotto le Sue sapienti mani Padrone.

Dopo questo momento liberatorio per me, facendomi mettere in ginocchio davanti a Lei mi ha iniziato a scopare la gola con voracità fino a concedermi di nuovo di assaggiare la Sua sborra Padrone.

Grazie infinite per avermi concesso per ben due volte di assaporare la Sua sborra Padrone.

Lo so che per chi legge posso risultare noiosa, ma come sempre volevo ringraziarLa per concedermi quotidianamente di essere la Sua schiava Padrone.

Grazie infinite per ogni emozione, eccitazione ed intrigo che mi regalate ad ogni sessione Padrone.

Quando sto con Lei anche nei nostri momenti di intimità e di condivisione che abbiamo tra uno step e l’altro della sessione, Lei mi fa sentire sempre più Sua Padrone.

La Sua schiava Luna crescente.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...