29. aprile 2018 39. Incontro col Padrone

Ho impiegato almeno una settimana ad avere la mente per scrivere qualcosa in merito a questa sessione la peggiore degli ultimi due anni Padrone.

Non scriverò molto, il mio intento è di scrivere almeno due righe di promemoria per andare oltre ma anche per ricordare ciò che non devo più fare Padrone.

Le prometto che attraverso un aiuto professionale e la mia buona volontà, le paure represse non rovineranno ciò che mi sono guadagnato sul campo in questi 5 anni di Appartenenza Padrone.

La Sua schiava Luna piena

11 marzo 2018 38. Incontro col Padrone (seconda parte)

Ogni volta che stiamo diverso tempo senza vederci per cause non nostre, capita che arrivi all’incontro come una drogata in crisi di astinenza, quindi comincio ad avere pensieri strani sul mio essere in forma per un nuovo incontro, col pensiero di rischiare di non esserlo e quindi di deluderLa Padrone.
Una delle cose in assoluto che non vorrei mai fare è proprio deluderLa, una settimana prima del ns incontro mi ha mandato una mail con tutte le Sue indicazioni su come procedere per quanto concerne abbigliamento Padrone.
Di questi tempi il tempo non è clemente con l’essere umano, quindi fa freddo e spesso volentieri piove quindi l’abbigliamento da Lei richiesto e consono al tempo uggioso, cioè pantaloni, camicia, maglioncino sopra, corsetto ed ovviamente senza intimo, calze autoreggenti e scarpe comode Padrone.
Ciò che mi ha richiesto di portare con me è plug coda di volpe, plug con gioiello rosa, vibratore grande rosa, speculum, apribocca, aghi, cotone, disinfettante, maschera, preservativi e coordinato intimo per il dopo sessione Padrone.
Il giorno precedente la sessione è sempre tutto un fremito per me, perché temo sempre di dimenticare qualcosa, di non fare attenzione ai dettagli a cui Lei tiene molto e non vorrei rovinare la sessione per una mia superficialità Padrone.
Stranamente questa volta la notte precedente l’incontro ho dormito cosa che di solito fatico a fare per l’emozione che provo nel poterLa rincontrare Padrone.
Quando arriva a casa e mi chiama perché non ho avvertito il Suo msg wa nel quale mi diceva che è arrivato, la felicità e l’intrigo aumenta misto ad un sensazione di essere in difetto perché non mi sono fatta trovare fuori di casa come previsto e quindi Lei ha dovuto attendermi Padrone.
Arrivo alla macchina in fretta e furia sotto la pioggia battente salgo in macchina, col fiato un pochino mancante all’inizio non La saluto ma non perché desidero mancarLe di rispetto ma anzi perché ho fatto tutto di foga per non farLa attendere più del dovuto quindi mi devo un attimo ricomporre prima di poterLa salutare come si deve Padrone.
Sono molto felice di poterLa rincontrare come Le dissi anche in un msg wa decisamente mi mancava la Sua presenza, le Sue mani e il Suo potere su di me, anche se c’è quotidianamente la Sua pressione su di me anche se non ci vediamo siamo perennemente sempre in contatto Padrone.
Dopo il consueto giretto insieme, andiamo a pranzo e colloquiamo delle cose accadute nei mesi in cui ci siamo visti, La ringrazio infinitamente che mi ascolta sempre quando devo sfogare i miei malesseri famigliari che mi fanno disperare Padrone.
Dopo pranzo ci dirigiamo verso il motel, ma prima di arrivarci mi fa venire i brividi quando direziona la macchina verso la strada dove è consuetudine fare i nostri giochi all’aperto ma essendoci la pioggia torrenziale si è deciso che non era il giorno opportuno per farlo, ma Lei ovviamente per giocare un po’ mentalmente con la Sua schiava e farLe notare chi ha il potere mi venire i brividi quando fa questo scherzetto per poi tornare sulla strada per il motel senza dirigersi prima nella strada dei giochi all’aperto Padrone.
Mi conosce molto bene e sa che avrei avuto dei pensieri misto a brividi quando si sarebbe diretto in quella strada in una giornata con pioggia battente a gogò ed è realmente accaduto Padrone.
Arrivati alla camera del motel, mi fate sistemare sul divanetto tutte le cose che ho portato con me, in seguito mi ordinate di spogliarmi cosi posso provare gli indumenti che avete comprato per me Padrone.
In primis un body a rete con tette completamente esposte ed apertura sulla fica, poi è la volta di un vestito in vinile più aderente da indossare con i pantaloni neri sempre in vinile acquistati e ricevuti a capodanno come ultimo capo di abbigliamento un ulteriore vestito sempre nero con tette in bella vista e corto che desidera lo indossi quando dormiamo assieme Padrone.
Un ultima sorpresa di cui mi ha accennato di aver comprato su sexy shopping è un nuovo giocattolo che oggi sperimenterà sul culo una sorta di paddle con degli acumi puntati Padrone.
Una volta fatta la sfilata per verificare l’esattezza della taglia e come mi stavano indossati i capi acquistati mi avete fatto sistemare a pancia in su e come precedente riferito nella mail la sessione si è aperta con un bel fisting vaginale, che mi incute sempre un po’ di timore ed ansia da prestazione, non so per quale motivo recondito nella mia testolina non riesco mai a vivere serenamente il fisting, riesco ben ad impalare il mega dildo che ha acquistato ma faccio fatica a rilassarmi quando infila la Sua possente mano nella mia fica come per in fondo impalarmi Padrone.
Malgrado le mie aspettative sempre pessime di non riuscire ad accogliere la Sua mano nella mia fica, è riuscito nell’atto di rinfilarLa per ben due volte malgrado che quando arrivo a sentirLa dentro per istinto e forse timore ogni volta urlo biancaneve (cioè la safe ) Padrone.
Ripresami da questa per me intensa attività, che spesso e volentieri mi porta alle lacrime ed uno stato di disperazione (che non so da dove provenga ), arriva il nostro consueto momento di pausa nel quale mi concede di appoggiarmi al Suo petto e mi permette di sentire tutto il Suo calore, la Sua tenerezza nei miei confronti e la Sua dolcezza, trova anche in quei momenti modo di torturarmi le tette o il culo Padrone.
Sono Sua proprietà e quindi può disporre di me come desidera, ogni Suo desiderio è un ordine per me Padrone.
Una volta ricomposta mi avete ordinato di mettermi a 4 zampe per terra, con i piedi bloccati dalla cavigliera, mi avete dato ordine di stimolarmi con il vibro rosa appoggiato sul clitoride alla velocità imposta da me, mi dovevo masturbare mentre Lei mi colpiva con forza culo, cosce con 40 colpi ben assestati tra cane, nuovo cane, filo elettrico, ed ovviamente come di consueto ringraziandoLa e contando ogni colpo subito Padrone.
Quando ero sul culmine di arrivare all’orgasmo ovviamente avete finito i colpi che dovevo subire,cosi sono rimasta fremente e col culo dolorante e caldo Padrone.
E’ stata veramente una bellissima sensazione che mi ha lasciato vogliosa di godere, il dolore aumentava quando colpiva quelle parti del culo ed interno cosce che sono molto sensibile al dolore ed al bruciore che il cane nuovo e il filo elettrico sanno dare Padrone.
Ulteriore momento di intimità e calore che ci permette di riprendere fiato e forze per la prossima fase della sessione, in ognuno di questi momenti oltre a darmi tanta tenerezza Lei si diverte molto a giocare col mio corpo soprattutto a mordermi sapientemente culo, collo e capezzoli per la mia immensa felicità perché mi provoca eccitazione e mi fa sentire completamente Sua Padrone.
Qualche settimana prima di quest’incontro domenica 25 febbraio mi mandate un msg su wa col racconto di un sogno che avevate fatto durante la notte con un risveglio mattutino col Suo cazzo bello in erezione che ricevo via foto, un immenso e piacevole regalo per me, in primis per la foto del Suo cazzo in erezione e poi sapere che era in erezione grazie al sogno che avete fatto su di me Padrone.
Il messaggio raccontava del sogno “Ti scopavo forte la bocca mentre eri in ginocchio, ti prendevo a schiaffi il seno poi ti facevo mettere a pecora e ti scopavo con un piede vicino alla tua faccia, dovevi leccare, alla fine ti giravo a pancia in su e mentre ti stringevo la gola ti sborravo dentro” in seguito mi scrive ” vedremo di realizzarlo alla prossima sessione con la variante che ti sborro in bocca” ovviamente la mia risposta è stata immediatamente si Padrone.

Queste sono le premesse, visto che Lei mantiene sempre ciò che dice il terzo step della sessione è stata la realizzazione di questo sogno Padrone.
Mi ordina di mettermi in ginocchio davanti a Lei, comincia con foga a scoparmi la bocca, prendendomi la testa tra le mani e scuotendola violentemente avanti indietro, in seguito mi mette le mani in bocca come per aprirla mi schiaffeggia le tette, alterna scopate in bocca col Suo cazzo ad altre con Le Sue mani, mi scuote la testa con un ritmo sempre più intenso, colpite con entrambe le Sue mani con forza le tette ed ogni tanto si masturba il cazzo Padrone.
Dopodiché mi fate mettere a pancia in su, Lei sopra di me e continua a scoparmi col Suo cazzo la bocca con maggior forza e vigore, sempre più intensamente alternando momenti in cui mi tenete il cazzo in bocca, fino al punto che dopo esserVelo masturbato con vigore mi sborrate sul viso, in bocca facendomi sgorgare fino all’ultima goccia che esce dal Suo cazzo Padrone.
Dopo essere venuto in bocca, raccoglie con le Sue dita ogni goccia di sperma che è sul mio collo, attorno alla bocca e me lo infilate in bocca, ordinando di inghiottire tutta la Sua sborra Padrone.
Come mia abitudine e dovere La ringrazio infinitamente per avermi concesso anche questa volta l’Onore di essermi nutrita della Sua sborra Padrone.
Mi mandate in bagno a pulirmi e risistemarmi e ci concediamo un ulteriore momento di relax dopo questo intenso momento di trasgressione e passione Padrone.
Dopo aver ripreso le forze mi fate mettere a 4 zampe sul letto ed iniziate a colpire il culo assestando bene 50 colpi tra cane, nuovo cane, filo elettrico e nuovo giochino il paddle Padrone.
Quando pensavo che il filo elettrico fosse il top del dolore/misto a bruciore che arreca ai punti dove mi colpisce, è arrivato il nuovo cane che oltretutto sono due che di solito utilizza in coppia tanto per non farmi mancare nulla, che danno un intenso bruciore che se è per il filo ha una dimensione modesta perché ha un lume piccolo, il nuovo ha un lume un pochino più grande di conseguenze il bruciore ü di un intensità ancora maggiormente elevata Padrone.
All’Inizio addirittura l’avevo scambiato per il paddle che ha appena comprato perché l’ho avvertito cosi netto e deciso che pensavo fosse il giocattolo nuovo, ed invece era il nuovo cane in doppia razione che può utilizzare in coppia sullo stesso posto, come singolo in due posti separati, il paddle essendo acuminato mi ha lasciato delle goccioline di sangue come se mi avesse un pochino punto ma niente di grave Padrone.
Quasi potrei stilare una classifica di quale oggetto mi arreca più dolore misto a bruciore, a volte non so dire se sia peggio il dolore deciso oppure il bruciore che può arrecare un oggetto quando colpisce la pelle Padrone.
Dopo un altro momento di relax, mi fa sistemare in piedi davanti a Lei, prende la corda, mi lega entrambi i seni belli stretti che restano in tiro, con la maschera indosso, mi colpite una alla volta mi colpite entrambi i seni con un ulteriore cinquantina di colpi attraverso il cane, il filo elettrico ed il paddle nuovo ovviamente come è accaduto per il culo ed altri parti che ha colpito è accaduto che tra un colpo e l’altro quando il dolore/bruciore si faceva intenso ho detto la safe mi ha concesso una tregua per poi riprendere il Suo cammino quando ho dato il via per poterlo fare perché mi sono ripresa Padrone.
Dopo questa pratica la sessione è terminata, quando ho iniziato a scrivere questo post per raccontare l’incontro non ho mai accennato al fatto che nei giorni precedenti mi aveva comunicato via wa che aveva in serbo una sorpresa per me, che avrebbe tenuto alla fine della settimana della sessione per mantenere viva l’intrigo e l’interesse Padrone.
E’ arrivato quel momento è tutta emozionata, mi accingo a sedermi sul letto ed attendere da Lei, quello che sarà la sorpresa che mi aspetta, quando mi dona il cadeau rimango senza parole, si tratta di un album fatto e scritto da Lei con le foto più interessanti che narrano la storia delle nostre vacanze fatte insieme durante tutti questi 5 anni trascorsi insieme, mi avete veramente commosso in quanto l’ho trovato un pensiero veramente romantico da parte Sua Padrone.
Grazie infinite per tutto ciò che mi avete donato anche in questa sessione che in fondo era particolare perché non ci vedevamo da capodanno e in prossimità quasi del nostro “anniversario” da quando ci siamo iniziati a scrivere via mail, quando ho risposto al Suo annuncio Padrone.
Sono infinitamente sempre grata di avere l’Onore di essere la Sua schiava, farò sempre ciò che è in mio potere per poterLa soddisfare e rendere felice Padrone.
Con devozione la Sua schiava Luna piena

14 marzo 2013 – 14 marzo 2018

Sono trascorsi 5 anni da quella sera in cui emotivamente depressa per essere stata lasciata dal precedente maestro mi sono imbattuta nel Suo annuncio Padrone.

Ero pronta a lasciare il mondo del bdsm perché mi sentivo sbagliata e fuori posto non degna di essere la schiava di nessuno Padrone.

Col Suo modo di fare, la Sua pazienza mi ha ascoltato, mi ha forgiato per essere la Sua schiava Padrone.

In questi 5 anni ci sono stati momenti molto intensi, soprattutto quando sono arrivata sul punto di perderLa per la mia superficialità Padrone.

Ma a capo chino, con tenacia ho lavorato sodo per riconquistare la Sua fiducia ed il mio posto ai Suoi piedi Padrone.

Mi sento molto Orgogliosa e Lusingata che dopo tutto questo tempo sono ancora al Suo cospetto e la Sua schiava Padrone.

Dopo 5 anni, avverto ancora l’ansia da prestazione prima di ogni incontro perché per me è importante non deluderLa Padrone.

Per me ogni Suo desiderio è un ordine e sono felice quando posso soddisfarLo Padrone.

Quando sono con Lei mi sento protetta ed al sicuro Padrone.

Mi piace nutrirmi della Sua luce Padrone.

Grazie infinite di ciò che fate quotidianamente per me Padrone.

Grazie infinite per avermi reso una persona migliore Padrone.

La Sua schiava luna piena

11 marzo 2018 38. Incontro col Padrone (prima parte)

Finalmente dopo tre mesi dalle vacanze fatte insieme ci siamo rivisti Padrone.

Le vicissitudini della vita ci hanno tenuti lontano, ma quando ci vediamo per me è sempre fonte di una grande energia Padrone.

Le emozioni che mi fa vivere sono sempre molte Padrone.

Ed ha sempre la capacità di farmi scendere lacrime di commozione Padrone.

Grazie infinite per tutto ciò che fate quotidianamente per me, per esserci sempre nonostante le vicissitudini della vita a volte ci tengono lontani Padrone.

A presto per la seconda parte Padrone.

La Sua schiava Luna piena

30.12.17 – 02.01.2018 Capodanno col Padrone (seconda parte )

E’ da un po’ di tempo che avevo promesso di scrivere il post riguardante la vacanza col Padrone, ma tra influenza, giornate lavorative impegnative non ho avuto il tempo per mettere giù ciò che è successo in quei 4 giorni di full immersione con Lei Padrone.
L’emozione inizia al momento in cui mi comunica che faremo i giorni di capodanno insieme, indicazioni su come preparare la valigia, cosa portare con me e mi riferisce anche di oggetti comprati per l’occasione che sono in procinto di arrivare Padrone.

Mi spedisce una mail molto dettagliata su quali sono i vestiti da portare con me, essenzialmente pantaloni, maglioni pesanti vista la temperatura, due intimi per la notte, due completi intimi rossi per la sera di capodanno, un vestito da sera lungo, per il resto del tempo mi dice che starò nuda al Suo cospetto, in aggiunta plug con la coda di volpe, plug con pietra sotto, preservativi e maschere Padrone.

L’emozione aumenta quando salta fuori un posto nel Suo albergo preferito a Folgarida quindi la destinazione cambia non sarà più il lago di Como, ma bensì il Trentino la Sua amata terra Padrone.

Faccio i biglietti del treno, preparo la valigia la sera prima come da Sua indicazione ed i vestiti da indossare l’indomani per fare il viaggio per arrivare da Lei Padrone.

Il sabato mattina presto prendo il treno che mi porta in direzione Verdello, come sempre avverto un ansia per il viaggio che mi aspetta ma nel contempo sono felice perché finalmente posso rivederLa Padrone.

Finalmente arrivo alla stazione e Lei mi aspetta in macchina, scende mi fa sistemare il mio bagaglio ovviamente dopo avermi salutato ed io mi sento al settimo cielo perché sono con Lei Padrone.

Il viaggio prosegue bene, chiacchierando ogni tanto in macchina durante il viaggio, facciamo una fermata per mangiare, scelgo la stessa cosa che ha scelto Lei perché mi fido del Suo buongusto Padrone.

Arriviamo a destinazione, dopo aver sistemato i bagagli mi mostrate quelli che sono gli oggetti che ha comprato per me Padrone.

Sono molto emozionata ogni volta che Lei mi pensa e compra oggetti/vestiti per me, mi sembra di tornare bambina e l’emozione che si prova quando si aprono i regali Padrone.

Gli oggetti che ha comprato per me, sono un nuovo babydoll da indossare con Lei, un paio di calze autoreggenti a rete, un divaricatore per la bocca, un cane nuovo, dulcis in fundo un paio di pantaloni in vinile che mi segnano bene il culo Padrone.

Dopo avermi mostrato gli oggetti in questione, inizia ad assaporare i miei seni, a torturare i capezzoli, a morderli sapientemente con la Sua bocca Padrone.

Come ogni qualvolta si inizia questi tipi di giochini, la situazione evolve sempre in modo esponenziale Padrone.

Mi fate mettere in ginocchio al Suo cospetto ed iniziate scoparmi come solo Lei sa fare, mi schiaffeggiate e colpite anche le tette Padrone.

Una volta scopata in bocca, mi fate sistemare a 4 zampe con il culo ben esposto ai Suoi voleri e mi scopate per bene la fica , per aumentare la nostra eccitazione mi fate girare a pancia in su e mi alzate le gambe e continuate a scoparmi per bene, sputando dritto e mirando la fica per lubrificarla per bene Padrone.

Faccio una premessa durante queste diciamo vacanze insieme, il mestruo a fatto la sua comparsa ed ammetto che nel periodo mestruale come tutte le donne sono molto più emotiva e sensibile a determinate cose Padrone.

Una di queste è quando mi schiaffeggia se una parte di me, la mia fica si lubrifica mentre svolge questa pratica la parte invece più razionale vive molto male questa situazione perché vivo lo schiaffo come una sorta di punizione come se avessi sbagliato Padrone.

Mi sento molto umiliata mentre Lei mi schiaffeggia e per questo motivo quando durante questo approccio avuto con me mi ha schiaffeggiato, ho iniziato a singhiozzare e piangere per cui ho avuto difficoltà a lasciarmi andare per vivere al meglio la situazione vissuta con Lei Padrone.

Quando mi scopate, mi usate con forza e vigore, sento forte dentro di me la Sua dominazione, mi sento completamente nelle Sue mani, il Suo oggetto di piacere e desiderio Padrone.

Mi fa sentire pienamente la Sua cagna in calore, soprattutto quando avvicina la Sua mano alla mia gola e stringe e mi ordinate di godere come la cagna che sono Padrone.

Malgrado i singhiozzi che spesso non mi hanno permesso di respirare, mi sono comunque lasciata andare alle Sue sapienti mani Padrone.

Lei ha avuto modo di venire addosso a me, ma prima mi avete concesso di avere un forte orgasmo liberatore Padrone.

Grazie infinite per avermi concesso di godere al Suo cospetto e di avermi donato la Sua sborra copiosa Padrone.

Dopo questo intenso amplesso di passione e sottomissione, ci riposiamo ed anche in quei momenti di relax ha sempre la situazione sotto mano e Le piace molto giocare con le poppe che Le appartengono Padrone.

Una volta svegli, veniamo affascinanti dalla Luna quasi piena che l’illumina il buio della nostra stanza mentre noi siamo ancora a letto Padrone.

Ci prepariamo per la cena, ed anche quella è sempre un emozione durante tutto questo tempo anche quando siamo in pubblico mi viene istintivo chiamarLa Padrone e la cosa non mi fa strano per me è diventato naturale farlo Padrone.

Mi fa sempre strano quando siamo insieme 24/24 h abituata a ore di sessione, averLa di fronte a me che cena con me e possiamo scambiarci due parole pur rispettando sempre i ruoli per me è sempre fonte di una grande emozione Padrone.

Malgrado siano passati 4 anni da quando ci conosciamo per me averLa davanti e poterLe parlare, condividere momenti con Lei mi porta emozione e passione Padrone.

Dopo cena, andiamo a fare una passeggiata insieme fuori dall’albergo mi sento sempre la Sua cagnolina che La segue in ogni cosa che fa, anche perché mi sento persa senza di Lei Padrone.

Andiamo a letto ed ovviamente prima di dormire non mancano Le Sue torture alle tette ed anche i mordicchia menti ai capezzoli Padrone.

Grazie infinite per ogni cosa che fa per me e col corpo che Le appartiene Padrone.

La domenica ci svegliamo di buon ora dopo colazione , prima passiamo a comprare i bastoni per fare la passeggiata in montagna su Suo consiglio, in quanto il sentiero che vogliamo fare per arrivare alla malga di Vigo è innevato quindi si ha bisogno dell’attrezzatura adatta, premetto che sono una persona che Le piace camminare come sono abituata alle camminate quotidianamente sui marciapiedi che frequento in quanto giro coi mezzi pubblici per i paesi che frequento giornalmente Padrone.

Non sono una persona abituata a fare passeggiate in montagna, quindi anche in questo mi affido a Lei, alla Sua conoscenza ed alla Sua presenza che mi permette di affrontare situazioni che non ho mai vissuto in vita mia Padrone.

Dopo il capodanno dell’anno scorso che mi avevate fare una passeggiata in montagna in mezzo al bosco, stavolta tocca una passeggiata in mezzo alla neve alta almeno 50-60 cm in punti in cui il bastone sprofondava dentro di diversi cm Padrone.

Pian piano con Lei che teneva il mio passo e ogni tanto si voltava a guardarmi per vigilare su di me, siamo arrivati alla mega salita molto ripida, ammetto che quando l’ho vista ho pensato che non c’è l’avrei mai fatta ed invece con la Sua presenza, i Suoi consigli su come salire senza fare fatica, facendo delle mini pause ma ci sono riuscita e di questo gliene sono veramente molto grata Padrone.

Riesce a farmi fare cose che non penso mai di riuscirci a farLe e di conseguenza mi stupisco di me stessa Padrone.

Quando arriviamo in cima il panorama è veramente folgorante ed imponente, sono talmente emozionata da avere i brividi, l’unica nota che mi fa rimanere un po’ male quando giustamente mi fate notare che anche l’anno scorso mi avevate fatto notare che in pubblico non devo chiamarLa Padrone.

Questo perché le persone potrebbero sentire e quindi non capire il motivo di tale termine, mi scuso e resto un po’ mortificata di questo ma ha ragione pienamente Padrone.

Mangiamo insieme alla malga, facciamo le foto e dopo un paio di ore torniamo verso l’albergo, diciamo che anche la discesa soprattutto nel punto in cui c’era la salita di prima non è stata semplice ma grazie ai Suoi saggi consigli e la Sua pazienza sono riuscita nell’impresa anche di scendere e tornare in albergo Padrone.

Sono veramente felice della giornata che abbiamo vissuto e condiviso assieme, La ringrazio infinitamente Padrone.

Una volta rientrati in albergo, ci riposiamo in quanto ci aspetta una serata lunga visto che è la notte di Capodanno, anche in questi frangenti non mancano momenti in cui gioca col corpo che Le Appartiene ahimè rinunciando al culo ed alla fica visto che il mestruo è iniziato che sfortuna Padrone.

Ci prepariamo per la cena, nel mentre mi sto preparando per la cena e sono nuda non perde occasione per assestarmi qualche bella sculacciata sul culo o qualche strizzata bella corposa alle poppe o ai capezzoli che Lei ama tanto Padrone.

Per cena indosso un bel vestito lungo rosso, senza maniche, con giacca coordinata sopra, senza calze, mutande e reggiseno a balconcino rosso e scarpe col tacco come da Lei richiesto Padrone.

Mi sento veramente molto bella vestita cosi, sono anche felice che Lei mi ha fatto i complimenti per come ero vestita questo grazie ai Suoi sapienti consigli Padrone.

La cena prosegue molto bene, il cibo e la compagnia sono veramente ottimi, arriviamo alla mezzanotte ed al brindisi per l’arrivo del nuovo anno con Lei Padrone.

Lo so che per chi legge posso sembrare monotona, ma trascorrere del tempo, partire, intraprendere cose che non sono abituata a fare con Lei mi porta sempre ad avere forti emozioni, il bdsm non è solo sesso e dolore, la Dominazione passa anche attraverso il Suo essere sempre presente, nel sapere avere sempre la situazione sotto controllo, Lei ed io che mi raddrizza anche solo con uno sguardo quando dico o faccio qualcosa che non mi compete o che è al di fuori del mio ruolo Padrone.

Lei mi conosce sa come riportarmi subito a posto quando faccio qualcosa che non Le garba, vado fuori i ranghi Padrone.

Ed io di conseguenza, rientro nel mio ruolo e riporto la mia sottomissione a Lei come si compete Padrone.

Il giorno seguente, l’idea iniziale era di andare a fare un ulteriore passeggiata, ma ahimè il tempo ha cambiato i nostri programmi, comunque dopo colazione mentre fuori nevicava copiosamente siamo comunque andati verso Madonna di Campiglio a fare un giro ed anche con la neve che scendeva copiosa nelle Sue mani mi sentivo al sicuro Padrone.

Siamo rientrati dal giro che ci ha permesso di vedere il paesaggio sotto la neve , abbiamo pranzato e dopo siamo andati di nuovo a coricarci nell’attesa che arrivava la cena, io perennemente in giro con indosso solo le mutande in quanto mestruata Padrone.

Questo mi faceva essere completamente alla Sua merce è la cosa mi eccitava non poco, quando Lei si avvicinava con fare “minaccioso” che voleva nutrirsi delle Sue carni Padrone.

Prima che arrivasse la cena siamo di nuovo andati verso campiglio per farmi spese, ma ahimè i posteggi inesistenti ci hanno portato ad andare altrove a fare shopping Padrone.

Mi piace molto andare in giro con Lei, anche in quei frangenti Lei mi tiene sempre sotto controllo Padrone.

La cena e la post cena avviene senza grossi situazioni degne di nota, anche se il preparare la valigia ha cominciato a fare entrare una sorta di malinconia dentro di me, perché sapevo che l’indomani mi sarei dovuta distaccare da Lei fino alla prossima sessione Padrone.

E’ stato strano addormentarsi con Lei sapendo che sarebbe stata per ora l’ultima notte insieme per molto tempo, mi piace molto addormentarmi e svegliarmi con Lei che gioca e tortura le poppe che Le appartengono Padrone.

Mi fa sentire incredibilmente Sua essere a Sua disposizione 24/24, non è sempre facile perché ogni tanto mi rilasso ma è anche umano che sia cosi, Lei tanto ha sempre la bravura e la maestria di riportarmi nei ranghi come si compete Padrone.

L’indomani mattina ci siamo svegliati, mi ha torturato tette e capezzoli ed il culo per l’ultima volta, abbiamo fatto colazione, sistemato i bagagli in macchina e siamo partiti alla volta di Verdello, dove mi aspettava il treno per riportarmi a casa Padrone.

Una parte di me era triste, ma l’altra era ben felice di aver trascorso del tempo con Lei, di sapere che Lei era soddisfatto del tempo trascorso insieme Padrone.

Grazie infinite per tutto ciò che mi avete donato anche stavolta, non sarò mai stanca di dirVelo perché è ciò che sento e provo Padrone.

Mi scuso se ho dimenticato qualcosa ma l’emozione è stata veramente tantissima che la mia testolina può aver dimenticato qualcosa Padrone.

La Sua schiava Luna Piena

30.12.17- 02.01.18 Capodanno col Padrone (prima parte)

Trascorrere del tempo con Lei è sempre fonte di nutrimento per me Padrone.

Mi nutro delle Sue sapienti mani, della Sua cultura, della Sua visione del mondo Padrone.

Le vengo dietro in ogni Sua esperienza perché mi fido di Lei in tutto e per tutto è perché senza di Lei mi sento persa Padrone.

Ogni posto dove c è Lei, ovviamente ci sono io sempre un passo in dietro come è giusto che sia Padrone.

Grazie infinite perché ogni volta che sono con Lei sperimento sensazioni nuove e scopro di riuscire a far cose che nn pensavo di poter sostenere Padrone.

Perché Lei probabilmente ha fiducia nelle mie potenzialità più che io stessa Padrone.

Ci sono molti modi per Dominare oltre la frusta ed a volte basta il Suo tono di voce per farmi risentire il guinzaglio stretto Padrone.

Grazie infinite ritornare alla normalità dopo quasi 4 giorni insieme ma Lei è sempre con me in ogni cosa che faccio perché sta riempiendo la mia vita Padrone.

Sarò più esaustiva nel prossimo post Padrone.

Grazie infinite per tutto ciò che fate quotidianamente per me Padrone.


la Sua schiava Luna piena