18. ottobre 2020 51. Incontro col Padrone

E’ un periodo che è difficile per me scrivere sul blog i resoconti delle sessioni, non so per quale motivo, forse tutto quello che sta accadendo fuori nel mio micro mondo occupa la mia testa e quindi non riesco a concentrarmi su questo Padrone.

Questo non vuol dire che tutto ciò che vivo con Lei non sia importante, anzi credo che i momenti che trascorro con Lei mi fanno vivere la vera me stessa, mi permettono di essere ciò che sono, di assaporare attraverso le Sue sapienti mani sensazioni veramente molto intense Padrone.

La ringrazio infinitamente di questo, che mi permette quotidianamente di essere Sua schiava, malgrado delle volte, senza volerlo mi comporto in modo che poi La faccio arrabbiare Padrone.

Per questa sessione sono venuta io da Lei, alcuni giorni prima ricevo Sue indicazioni tramite mail sul come vestirmi, questa volta pantaloni comodi, scarpe comode, maglione, giubbino, niente intimo, niente trucco, coda ai capelli e plug anale con gioiello inserito nel culo Padrone.

Dovrò portare con me: maschere, guanti in lattice, cotone, disinfettante, aghi e preservativi, nella mia testolina fa capolino il fatto che porterà diverse cosine Lei visto che mi fa andare in giro leggera Padrone.

Visto le vicissitudini degli ultimi tempi, ho imparato che finché non esco di casa per venire da Lei, non sono sicura che ci vediamo perché come la nuvola di Fantozzi per me c’è sempre qualcosa all”orizzonte che ci impedisce di vederci Padrone.

Trascorro più o meno tranquilla la notte, prima della sessione mi assale sempre una certa agitazione /mista ad ansia perché ho sempre un po’ il timore di avere comportamenti inadeguati o di non rispettare le Sue indicazioni, inoltre se come in questo caso devo prendere il treno per venire da Lei l’ansia si potenzia Padrone.

Come dicevo nei precedenti post mi piace viaggiare in treno, ma con la malattia che ho avverto sempre il timore che possa star male durante il viaggio e quindi un senso di inquietudine mi accompagna sempre, ma col mio motto “BARCOLLO MA NON MOLLO” vado sempre avanti per la mia strada ed affronto la sfida Padrone.

Preparo tutto il necessario nella borsa, finalmente arriva domenica il giorno dell’incontro, dopo esserci scambiati il buongiorno Le mando un msg se potevo partire Padrone, Lei ovviamente mi risponde devi con il faccino sorridente Padrone.

Finalmente prendo il bus che mi porta alla stazione, ed il treno che mi porta finalmente da Lei Padrone.

Ovviamente con tutti i mezzi di protezione che a causa del covid19 devo mettere in atto, arrivo alla stazione e ricevo un msg che era in leggero ritardo e quindi aspetto davanti alla stazione, diciamo che in quei momenti l’eccitazione è aumentata soprattutto anche perché col plug in culo, ad ogni movimento questo stimolava Padrone.

Arriviamo al motel che è l’ora di pranzo, quindi ci mangiamo qualcosa assieme e scambiamo quattro chiacchiere Padrone.

Mi ordina di spogliarmi e mi fa sistemare sulle Sue gambe e si diverte suonare come se fossero dei tamburi le mie chiappe Padrone.

In quei momenti alterni colpi netti e decisi alle chiappe, ad altri in cui il mio corpo viene usato come uno strumento che anche se particolare emette una sua sinfonia Padrone.

Devo dire che quelle volte che adopera il mio culo come se fosse un tamburo, mi fa divertire e mi eccita moltissimo Padrone.

In quei momenti assapora attraverso la Sua bocca e i Suoi denti le mie natiche e si diverte notevolmente ad agguantarLe Padrone.

Dopo questo intenso momento, mi fa mettere girata verso il vetro con le mani sulla fronte e culo ben esposto, Lo ha iniziato a colpire prima col cane colpi ben decisi, poi ha preso il paddle dalla parte degli spuntoni ed oltre a colpire il culo passava l’oggetto di tortura sui seni per stimolarmi ed eccitarmi Padrone.

30 colpi di un certo spessore che in alcuni frangenti sono stati intervallati da momenti in cui Lei si divertiva a sfiorare con l’oggetto che aveva nelle Sue mani la fica, lo passava tra le gambe causandomi un misto tra eccitazione e timore che potesse colpire anche li Padrone.

Dopo i classici nostri momenti di relax tra uno step e l’altro della sessione ed essermi sistemata, mi fate sistemare a 4 zampe, avete iniziato a giocare con il culo, con la fica, stimolando in tutti i modi, è stato molto difficile riuscire a trattenermi dal venire, quando avete capito che cominciava a diventare dura per me non cedere mi avete concesso di venire con due orgasmi intensi Padrone.

La ringrazio infinitamente per avermi concesso alla Sua cagna vogliosa di venire due volte Padrone.

Ci sono stati due momenti ancora più intensi durante questa sessione è stata la deprivazione sensoriale, in una delle nostre conversazioni mi ha dato la possibilità di scegliere una pratica a mia discrezione Padrone.

Mi avete fatto sistemare a 4 zampe, applicato cavigliere e polsiere in modo di essere a Sua completa disposizione, cuffiette alle orecchie, completamente nelle Sue mani, non sono riuscita a distinguere gli oggetti che ha applicato o con cui ha sfiorato il mio corpo Padrone.

L’unica cosa che avvertivo dei grandi brividi, ogni centimetro del mio corpo che vibrava, sussultava, si eccitava ad ogni minima azione su di me, ho lottato con me stessa per evitare di venire perché è difficile da spiegare ma l’eccitazione era cosi intensa, che ad un certo punto ho iniziato a piangere da quanto fossi eccitata e vibrante, un pianto intenso a dirotto come a sfogare qualcosa di represso Padrone.

Quando mi ha dato il la questo pianto intenso e liberatorio è sfociato in un orgasmo intenso, diretto, animalesco, il tutto seguito da un secondo orgasmo ravvicinato intenso ed ancora più violento rispetto al precedente Padrone.

Grazie infinite per aver concesso alla Sua cagna vogliosa di essere venuta due volte Padrone.

Come già scrissi in un precedente post, la deprivazione sensoriale è una cosa che consiglio vivamente a tutti di provare, in quanto tutto si accentua poiché il corpo non viene fuorviato dalla mente o distrazioni esterne, quindi tutto quello che viene fatto al corpo, viene potenziato dal fatto che solo i sensi hanno predominio, quindi le sensazioni che si provano sono sempre potenti Padrone.

Grazie infinite di avermi fatto scoprire questa pratica che mi procura sempre delle emozioni veramente molto intense Padrone.

Ancora provata dalla deprivazione sensoriale, in lacrime che non riuscivo a trattenere e contenere, mi ha ordinato di andare in bagno e sistemarmi Padrone.

Semiseduta appoggiata al muro ha iniziato a scoparmi prima con calma poi sempre più avidamente la bocca con movimenti energici della testa per gestire in maniera animalesca il Suo cazzo nella gola, alternandoLo alla Sua mano insinuandoSi nella gola, lasciandoLo anche qualche minuto per farmi assaporare maggiormente per sentirLo bene fino alla gola Padrone.

Quando è stato sul punto di non riuscire più a contenerSi, è esploso copiosamente con la Sua preziosa sborra sulla maschera Padrone.

La sessione si è conclusa, dopo alcuni momenti nostri di relax, dove Le piace giocare con la Sua schiava, con le chiappe che Le Appartengono, ha sempre un viso ed un espressione molto divertita quando morde le chiappe o i capezzoli Padrone.

Sono molto felice quando vedo in Lei questa soddisfazione, quel senso di appagamento che si nota nei Suoi occhi quando gioca con ciò che Le Appartiene Padrone.

La ringrazio infinitamente per la giornata trascorsa insieme, per il tempo che mi dedica e che mi concede quotidianamente di essere la Sua schiava Padrone.

La Sua schiava Luna piena Padrone.

23. agosto 2020 50. incontro col Padrone

Dopo mesi di latitanza torno sul blog ed alla vita bdsm , in questi mesi nel mondo e nella mia vita ho dovuto badare ad altre cose che mi hanno distratto dallo scrivere o pubblicare post su questo blog Padrone.

La pandemia ovviamente ha influito, come ogni essere umano di questo pianeta, sul vivere il bdsm con Lei Padrone.

Oltre al coronavirus con lockdown e quanto altro, anch’io ci ho messo del mio per impedire che potessimo vivere del tempo assieme come volevamo Padrone.

Quando finalmente era tutto pronto per passare un bel fine settimana assieme, dopo il rallentamento della morsa delle direttive in merito al coronavirus, mi sono messa io col mio essere spesso superficiale nell’esplicare i miei pensieri ed ovviamente dopo ogni errore come di consueto si paga lo sbaglio commesso Padrone.

Arriviamo a questo incontro, dopo settimane da questo errore, quando finalmente i nostri impegni s’incastrano bene per poter finalmente vederci Padrone.

Nelle Sue mail dopo aver commesso l’errore è stato molto chiaro su ciò che mi aspettava, La ringrazio infinitamente che avendo notato di essermi comportata bene nelle ultime settimane mi ha concesso l’Onore di poter togliere tre punizioni da quelle previste Padrone.

Quando ho potuto scegliere le punizioni da togliere, ho optato per i 9 colpi alla massima potenza col filo elettrico, 9 colpi alla massima potenza col cane e l’umiliazione pubblica, motivandoLe che ho fatto una scelta più razionale che emotiva in quanto mi rendo conto dopo quasi 7 mesi di inattività sarò decisamente fuori forma Padrone.

Le altre punizioni previste sono le seguenti: 9 aghi da infilare cosi suddivisi 3 su capezzolo destro, 3 sul sinistro, 3 grandi labbra, 9 colpi di cintura alla massima potenza su tutto il corpo, 9 colpi di paddle da parte dello spuntone su tutto il corpo, 9 schiaffi a mano aperta su tutto il corpo, per le prossime 9 ore non ci saranno né baci né carezze per me Padrone.

Nello scegliere quale punizione togliere emotivamente, subito avrei pensato di togliere quella riguardante baci e carezze, però malgrado sia difficile immaginare di non poter ricevere calore umano durante una sessione bdsm, dove si prova un dolore intenso come quello che mi aspetta e si sente il bisogno e la necessita di essere avvolta da quel calore che dà conforto Padrone.

Il pensiero è stato che oltre all’essere fuori forma, ho pensato che avendo sbagliato e sentendomi mortificata nel profondo per averLa delusa, non sento di meritare in questo momento il Suo calore umano Padrone.

Arriva il fatidico giorno del nostro incontro, quando mi sono svegliata al mattino, fino a quando non l’ho vista davanti a me, ho avuto timore che potesse succedere qualcosa che impedisse questo incontro che tanto ho bramato Padrone.

Preparo la borsa secondo Le indicazioni che mi ha dato via mail, uno stato emotivo di difficile descrizione in quanto mi sentivo emozionata, ansiosa ed anche un po’impaurita perché non sapevo come avrebbe reagito il mio corpo a questa sessione Padrone.

Dentro di me avevo timore di incontrare uno sguardo freddo nei miei confronti perché l’errore commesso, l’ha fatta molto infuriare Padrone.

Ed invece quando mi sono trovata in macchina accanto a Lei, ho visto che lo sguardo freddo che mi ero immaginata, per mia fortuna e Sua pazienza non ci stava ed un pochino mi sono calmata Padrone.

Anche se in fondo per buona parte della sessione sono rimasta sulle mie per non correre il rischio di dire qualcosa che potesse rovinare tutta la giornata vissuta insieme Padrone.

Come da Sua indicazione visto il problema attuale del covid, una volta arrivato a casa mia ci siamo diretti al motel dove avvengono le nostre sessioni Padrone.

Una volta giunti in camera, Lei mi ha consegnato i regali che non era riuscito a darmi per natale 2019, è stato emozionante ricevere da Lei i regali che consistevano in una gonna lunga con spacchi neri, una maglietta sempre nera con pizzo a mezze maniche e dulcis in fundo un corsetto stile latex con perizoma Padrone.

Indossato mi piaceva molto come mi calzava, grazie infinite per avermi donato questi regali ed avere l’Onore di essere la Sua schiava Padrone.

Essendoci portati il pranzo al sacco come per un picnic, abbiamo pranzato assieme ed è stato molto piacevole scambiando anche due chiacchiere durante il pasto Padrone.

Una volta finito il pranzo è iniziata la sessione vera e propria, mi ha ordinato di alzare il vestito che indossavo, di posizionarmi in piedi davanti a Lei e col culo rivolto verso di Lei Padrone.

E’ arrivato fatidico momento dei nove colpi alla massima potenza con la cinghia che riesco a sopportare tra una safe e l’altra ma verso la fine scendono le lacrime ed il fiato trattenuto quando vengo colpita appena sopra i glutei oppure nella zona tra le ginocchia ed il gluteo, li i colpi sono più difficili da sopportare Padrone.

Le lacrime oltre che per il dolore che avvertono, scendono perché mi sentivo mortificata per l’errore che ho commesso nei Suoi confronti e che ha fatto modo di rimandare il Nostro incontro e rinunciare al week end programmato assieme Padrone.

In seguito a questo momento molto intenso della sessione, mi ha fatto andare in bagno, mi ha disposto di togliere il plug a gioiello che indossavo, il vestito, di darmi una sistemata, una volta ritornata dal bagno, Lei era sdraiato nel letto, inizialmente mi sono messa in piedi davanti al letto, ho atteso il Suo permesso di potermi sistemare assieme a Lei, nel letto, mi sono posizionata accanto ma stando nella mia porzione di letto, per evitarmi come richiesto dalle punizioni di avvicinarmi a Lei oppure aver contatto con Lei Padrone.

Quando nella mia testolina, me ne stavo nel mio angolino lontano da Lei, ha preso la Sua mano ed ha iniziato a giocare con i miei capezzoli, ho cercato un pochino di avvicinarmi per permetterLe di giocare meglio con le poppe che Le Appartengono Padrone.

Le poppe hanno sentito molto la mancanza delle Sue mani, ne ho percepito ogni brivido e dolore che il tocco della Sua mano ha scatenato nel mio corpo. le scosse che ha procurato alla fica Padrone.

Successivamente a questi momenti dove ha ripreso possesso della Sua schiava, ha iniziato a Leccarmi la fica avidamente, ed a concedermi l’Onore di riempire con il Suo cazzo la mia fica, prendendomi per il collo concedendomi l’Onore di poter avere un orgasmo liberatorio che ne seguono altri 3 grazie alle Sue sapienti mani Padrone.

Dopo tutto questo tempo trascorso tra il covid19 ed i miei errori, è stato una sensazione molto piacevole ed intensissima, un Grande Onore, da brividi e strepitoso poter sentire la Sua lingua che Leccava il clitoride e affondava dentro la mia fica, sentire il Suo cazzo che era un tutt’uno con la mia fica, ho cercato in tutti i modi affondando le mie mani nelle lenzuola e nel cuscino di resistere alla tentazione di godere, è stata un immensa fortuna quando Lei mi ha concesso di venire almeno una volta, La ringrazio infinitamente di questa concessione e di questo Onore Padrone.

Un altro step della sessione è stato quando mi ha fatto sistemare a 4 zampe, culo rivolto verso di Lei, l’ho sentita trafficare con le mani ed oggetti vari nella mia fica, ho avvertito quando ha sistemato le mollette a coccodrillo e le pinzette sulle grandi labbra mentre con le Sue dita giocava con il clitoride e Le inseriva nella fica, che mi procurava dolore ed eccitazione Padrone.

Il punto cruciale ed intensissimo è stato quando ho sentito che ha preso tra le mani i due pesi che erano attaccati alle pinzette e Li ha spinti come se fossero un altalena, è stato moltooo intenso sembrava come se le grandi labbra si staccassero dal corpo, la cosa strana che malgrado abbia resistito solo a due tentativi di questo gioco, perché al secondo ho detto la safe, la situazione e il dolore provocato mi hanno dato molta eccitazione Padrone.

Mi ha ordinato di andare in bagno, mi ha fatto posizionare nella doccia in ginocchio, Lei si è messo in piedi davanti a me dapprima mi ha scopato con foga e vigore la bocca col Suo cazzo, alternandoLo a momento in cui Lo infilava fino in fondo alla gola facendomi trattenere il fiato Padrone.

Al momento in cui ha ritenuto opportuno e si è sentito pronto Lei ha iniziato a riempirmi la bocca della Sua pioggia dorata e della Sua Onorata sborra Padrone.

È sempre fantastico quando sento nella mia gola la Sua pioggia dorata e la Sua sborra che inondano la mia gola e colano dalle mie labbra Padrone.

Questo gesto che , per chi non vive questo mondo, può sembrare strano o addirittura offensivo, mi fa sentire decisamente la Sua schiava, accentua la sensazione di essere la Sua cagnolina, la Sua cagna vogliosa e golosa del Padrone a cui Appartiene Padrone.

La sessione si è conclusa con dei momenti nostri, in cui abbiamo scambiato quattro chiacchiere su cosa succede nel mondo e sulle nostre vicissitudini della nostra esistenza, in questo momento della pandemia Padrone.

Non è stata per niente facile, scrivere questo post, ho un blocco dello scrittore, inoltre non è mai semplice scrivere le proprie emozioni, metterle nero su bianco anche se questo blog e questi post mi permettono di mantenere traccia di quello che succede nella mia vita nel bdsm Padrone.

Chiedo umilmente scusa sin d’ora se per caso la cronologia degli eventi non è quella che probabilmente è accaduta durante la sessione, ma come ben sa io sono una smemorina, quindi oltre alla mia memoria precaria ci si mette sempre il fatto che quando sono con Lei e come se entrassi in un’altra dimensione, quando rientro alla realtà mi restano le immense emozioni vissute, ma fatico a ricordare l’esatta dinamica degli eventi Padrone.

Mi piace molto quando Lei si mette a giocare con il mio seno, quando si diverte a prendere a morsi i miei glutei, quando Lo fa si vede che Lei che si diverte un mondo ad agguantare le mie chiappe e stringerLe tra i Suoi denti Padrone.

La ringrazio infinitamente, in quanto ha la pazienza di darmi l’Onore di essere la Sua schiava Padrone.

La ringrazio infinitamente, poiché avvertivo il timore che in questa sessione avrei sentito la freddezza nel Suo sguardo, ma per fortuna non è stato cosi Padrone.

La ringrazio infinitamente, per tutte le emozioni che mi regala ad ogni sessione Padrone.

La Sua schiava Luna piena Padrone.

01-02 febbraio 2020 49. Incontro col Padrone (seconda parte)

Le vicissitudini della vita ci hanno tenuto lontano ma poi la fortuna ci ha assistito e siamo potuti stare insieme, perché il tempo che trascorro con Lei è sempre molto prezioso per me Padrone.
Due giorni prima della partenza ricevo una Sua mail con le indicazioni in merito a questo tempo che trascorrerò con Lei Padrone.
Essendo due giorni, di conseguenza una notte che trascorreremo insieme, le indicazioni sul vestirmi con una gonna lunga, un maglione, sotto il corsetto con un perizoma, nessun trucco e capelli raccolti in una coda Padrone.
Da portare con me le due maschere, preservativi, rossetto, fotocamera e treppiedi Padrone.
Come ad ogni sessione preparo con cura ciò che devo portare con me, preparo il mio corpo in modo che sia come Lei desidera Padrone.
Ogni istante che precede l’incontro con Lei, fa sempre salire dentro di me eccitazione/intrigo, perché nonostante sia molto che ci conosciamo per me ogni incontro con Lei è fonte di emozioni sempre molto intense Padrone.
Arriva finalmente sabato il giorno del nostro incontro, passano le ore ed aumenta l’eccitazione, quando mi arriva un Suo messaggio che è partito un sorriso si stampa sul mio viso Padrone.
Quando la Sua macchina sopraggiunge sulla strada vicino a casa mia, la felicità dentro di me aumenta, un sorriso ancora più grande serpeggia sul mio volto Padrone.
Salgo in macchina e dopo averLa salutata Lei nota questo sorriso particolare e Le rispondo che mi fa strano averLa finalmente vicina a me Padrone.
Ci dirigiamo verso l’albergo in cui soggiorniamo per questa notte, dopo le consuetudini pratiche amministrative prendiamo possesso della stanza Padrone.
Dopo essere entrata in camera, come da Sua indicazione nella mail, mi spoglio e resto solo con corsetto e calze, quasi completamente nuda al Suo cospetto Padrone.
Sono molte le sensazioni che provo quando sono con Lei, quando si stende sul letto e mi concede di restare sotto la Sua ala protettiva mi fa sentire avvolta e riempita del Suo calore Padrone.
Quando gioca con le poppe, mi strizza i capezzoli o come questa volta quando mi mordicchia avidamente e con gusto entrambe le chiappe Padrone.
Sono giochi tra di noi, che mi fanno felice, mi fanno sentire completamente Sua e leggo sempre felicità anche nei Suoi occhi Padrone.
Prima di andare a cena, abbiamo avuto di questi momenti fatti di relax, di giochi tra di noi, scambi di quello che è successo nelle nostre vite dal nostro ultimo incontro Padrone.
Io sento sempre la Sua presenza nella mia vita perché ci sentiamo via whatsapp tutti i giorni e so di poter esprimere qualsiasi mio pensiero su ciò che mi accade, ma la vicinanza fisica come in questi casi nutre maggiormente la Sua presenza nella mia vita, il sentirmi completamente la Sua schiava Padrone.
Sorrido ma nello stesso contempo mi contorco per il dolore misto bruciore che mi fa procura quando mi morde le chiappe Padrone.
Andiamo a cena assieme, nel ristorante dell’albergo, trascorriamo ancora dei momenti insieme in cui colloquiamo piacevolmente sulle nostre vite, in cui anche in quei momenti sento la Sua Dominazione su di me Padrone.
Nella mail che mi ha scritto con le Sue indicazioni, in questo periodo Le ho fatto un favore e per ripagarmi di questo favore mi concede l’Onore di avere 5 minuti di tempo, suddivisi in frazioni di 1 minuto ciascuno in cui potrò fare ciò che desidero su di Lei Padrone.
Lei sia adagia completamente nudo sul letto, scattano i 5 minuti pattuiti, in questo periodo ho pensato molto a cosa fare per favorire il mio ed il Suo piacere Padrone.
Non sapendo come ha pensato di gestire questi nostri quasi due giorni assieme, ho pensato di concentrarmi sul Suo corpo e sull’assaporare ogni centimetro della Sua pelle come maggiormente mi aggrada, che magari può sembrare banale per chi legge, ma tutto questo di solito avviene su Sua decisione mentre questa volta potrò agire come meglio credo Padrone.
Il primo minuto, ho optato per iniziare a leccarLe con eccitazione avidità il collo, le orecchie dedicandomi con molta cura con lo scopo di eccitarLa Padrone.
Sono poi passata, nel successivo minuto a leccarLe la schiena, per stimolare i Suoi sensi ed aumentare la Sua eccitazione Padrone.
Dopo aver stimolato con la lingua la Sua schiena, ho iniziato a massaggiarLe la schiena, per acuire le stimolazioni precedenti fornite, per farLe sentire il mio essere geisha con Lei Padrone.
Dopo la schiena, sono passata a LeccarLe i piedi, una pratica che mi eccita molto e mi fa sentire molto la Sua cagnolina adorante, mi sono dedicata con cura ad ogni Suo dito, alla Sua pianta e al Suo dorso del piede Padrone.
La ciliegina sulla torta, gli ultimi 5 minuti li ho usufruiti per assaggiare, leccare e gustare ogni centimetro del Suo cazzo, le Sue palle, è stato veramente molto intenso a livello emozionale Padrone.
Malgrado ci conosciamo da quasi sette anni nel momenti in cui Lei era disteso sul letto nudo ed io avevo completo potere sui di Lei, mi sentivo molto emozionata, quasi da farmi venire i brividi e un po’ imbarazzata, sono talmente abituata a fare ciò che Lei desidera che averLa completamente a mia disposizione mi ha riempito il cuore di emozione Padrone.
L’ assaporare ogni centimetro del Suo corpo sembra una situazione banale da provare, ma per me ha significato molto perché è stato come nutrirmi di Lei, catturare dentro di me ogni parte di Lei, far si che la Sua cagnolina la stimolasse/eccitasse Padrone.
La ringrazio infinitamente per avermi concesso questo Onore, ne sono estremamente Onorata Padrone.
Dopo avermi concesso questo Onore, ha ripreso in mano le redini della situazione facendomi mettere in piedi davanti a Lei, mi ha ordinato di darLe il rossetto che ha detto di portare con me nella borsa Padrone.
Ha scritto le parole whole, troia, slut, bitch dopodiché ha preso il filo elettrico e mi ha colpito con 10 colpi ben assestati culo e fondoschiena Padrone.
I colpi sono stati intervallati da diverse safe che ho detto in quanto il mio corpo ha sentito bruciore, calore e dolore intenso Padrone.
E’ stato intenso risentire il filo elettrico sul corpo, sentire i Suoi colpi inferti dopo cosi tanto tempo Padrone.
Dopo questo intenso momento in cui ha ripreso possesso della Sua schiava, ci siamo coricati Padrone.
E’ sempre interessante e ricco di sensazione trascorrere del tempo con Lei, sentire il Suo calore, sentire le Sue mani sul corpo che Le Appartiene dona a me sempre tantissime emozioni Padrone.
Il risveglio del mattino, è stato un qualcosa che non immaginavo e mi ha stampato un sorriso intenso sul viso Padrone.
Quando ha cominciato ad allungare le Sue mani sul mio corpo, sulle poppe, ha strizzato i capezzoli, ogni centimetro del mio essere ha iniziato ad eccitarsi terribilmente Padrone.
Mi ha fatto mettere in ginocchio davanti a Lei ed ha iniziato a scoparmi avidamente la bocca, si è sdraiato sul divano ed ha continuato a scoparmi la bocca tenendomi stretta la testa fra le Sue gambe e muovendo con foga la mia testa su e giù sul Suo cazzo Padrone.
In seguito si è posizionato appoggiato al divano e mi ha fatto leccare con molta cura e foga il Suo buco del culo Padrone.
La Sua cagna vogliosa era tremendamente felice di leccarLe il buco del culo, sentire la Sua eccitazione salire mentre lo facevo aumentava la mia felicità Padrone.
Mi ha fatto sistemare sul letto con le gambe alzate e la testa appoggiata al divano, ha continuato avidamente a nutrirsi della bocca che Le Appartiene Padrone.
Essere in quella posizione, con le Sue mani che reggevano la mia testa e il Suo cazzo che scopava con foga la mia bocca e diventava più grosso rendeva la situazione ancora più eccitante Padrone.
Poi mi ha fatto alzare, in ginocchio al Suo cospetto ha continuato a scoparmi la bocca, premendo per bene la testa sul Suo cazzo Padrone.
Mi ha fatto staccare dal Suo cazzo, ha iniziato a masturbarsi avidamente mentre io continuavo a leccarLe le palle Padrone.
Più le leccavo le palle, più Lei aumentava la velocità della Sua masturbazione, fino a quando la Sua sborra è copiosamente esplosa sul mio corpo Padrone.
In ginocchio ai Suoi piedi, ho ammirato colare la Sua sborra e l’ho ringraziata profondamente per l’Onore di avere ricevuto la Sua sborra su di me Padrone.
In seguito ci siamo risistemati e siamo andati a far colazione assieme, dopo colazione abbiamo preso i nostri bagagli e ci siamo diretti al centro commerciale Padrone.
Arrivati al centro commerciale, abbiamo cercato il negozio dove andare a comprare quello che è il mio regalo di natale, ogni qualvolta sono con Lei sento sempre il Suo sguardo fisso su me anche da lontano per controllare ogni mio movimento Padrone.
La ringrazio infinitamente per il Suo regalo, per tutte le emozioni che mi ha donato in queste 24 ore insieme, fa sempre bene al mio fisico e alla mia mente trascorrere del tempo con Lei Padrone.
La Sua schiava Luna piena Padrone.

25 – 27 ottobre 2019 48. Incontro col Padrone

Ho ricevuto un voucher quindi abbiamo deciso di fare qualche giorno di vacanza insieme ed è sempre spettacolare quando trascorriamo del tempo assieme Padrone.

Sono sempre emozionata ed intrigata, perché non avviene molto frequentemente ed inoltre è come vivere un 7 su 7 (h24) Padrone.

Dopo aver deciso luogo di vacanze e data di partenza, due giorni prima della partenza ricevo da Lei le indicazioni su quello che dovrò mettere in valigia Padrone.

Emozionata leggo le Sue indicazioni ed in inizio a fantasticare su quello che accadrà durante questa full immersion con Lei Padrone.

Le Sue indicazioni sono state le seguenti, essendo le temperature che possono variare dai 5 ai 17 gradi, mi ordinate di infilare in valigia, scarpe da escursione, scarpe comode, scarpe eleganti per la sera, tre paia di calzoni, pile o pullover pesanti, due outfit eleganti per la cena Padrone.

In valigia oltre al vestiario, mi fate portare il necessario per i nostri giochi che comprende il vestito da cameriera, il plug con la coda di volpe, il body a rete, babydoll rosa,plug con gioiello, speculum, maschere e preservativi Padrone.

Come spesso accade quando mi fornite l’elenco dei giochi, comincio ad immaginare cosa accadrà durante l’incontro, ma spesso e volentieri non ci azzecco in quanto la Sua mente partorisce sempre nuovi giochi, nuove emozioni Padrone.

Il giorno precedente l’incontro, per mia fortuna sono rimasta a casa dal lavoro, di conseguenza ho avuto modo d’iniziare a tirare insieme le cose per preparare la valigia, fare il biglietto del treno, tutte queste attività hanno potenziato l’emozione di poterLa finalmente rincontrare e trascorrere del tempo con Lei Padrone.

A causa del lavoro e di altre situazioni, è trascorso del tempo dal nostro incontro, ed il solo fatto che ci è data occasione di vederci, porta nella mia testolina tantissimi sentimenti Padrone.

Per una schiava è un sogno poter vivere col Padrone h24, in quanto permette ad entrambi di vivere appieno il rapporto fatto di Dominazione e sottomissione, di percepire quelle sfumature che una sessione mordi e fuggi spesso non dona Padrone.

Quindi amo sempre molto questi momenti cosi intensi quando trascorriamo insieme delle intere giornate Padrone.

La sera prima preparo con cura la valigia, prestando molta attenzione che ci sia tutto quanto richiesto, che gli outfit serali siano di Suo gradimento, che il necessario per i nostri giochi ci sia, il biglietto, i soldi, tutto quanto sia in ordine Padrone.

La notte riesco a dormire malgrado l’agitazione ( l’ho sempre quando viaggio in treno a causa dei miei problemi di salute), conto le ore che mi separano al nostro incontro Padrone.

Arrivo alla stazione di Milano, sorpresa quel giorno hanno cancellato il treno che dovevo prendere, La chiamo per informarLa, il mio arrivo alla stazione slitta di un ora, quando finalmente arrivo alla stazione prevista Lei è al binario che mi aspettava, sembra banale per chi legge ma è stata per me una bellissima sorpresa vederLa che attendeva il mio arrivo, ammetto che quando stavo giungendo li l’emozione è aumentata Padrone.

Iniziamo il nostro viaggio per arrivare nel luogo di destinazione, pranzo veloce , dopo alcune ore di macchina arriviamo nel luogo previsto, una volta arrivati in camera,  mi ordinate di disfare la mia e la Sua valigia Padrone.

All’interno della Sua valigia, come già informata durante il viaggio in macchina, ci sono ben due sorprese per me ed il cd di Vinicio Capossela che mi aveva promesso Padrone.

Entrambe le sorprese mi hanno fatto molto felice, perché non mi aspettavo di riceverLe da Lei in quel frangente, di conseguenza mi ha riempito di felicità Padrone.

La prima sorpresa è stato un quadro di una bellissima foto che Lei ha fatto questa estate sotto le stelle, una foto che reputo stupenda perché non è semplice fotografare un cielo stellato, ma soprattutto con La Sua presenza Padrone.

La seconda sorpresa, che mi ha emozionato maggiormente e vedere che aveva portato con sé l’anello che Le avevo donato molto tempo fa, che per varie cause non ha portato nei nostri incontri, ammetto che sinceramente quando ero in macchina con Lei, ho visto che non l’aveva ho pensato che essendo uscito un po’ di fretta si era dimenticato di prenderLo con sé ed invece mi ha voluto stupire un’altra volta Padrone.

Mi ha riempito il cuore di gioia, vederLa indossare quell’anello che ha molto significato per me, grazie infinite di questa emozione che ha saputo regalarmi Padrone.

Una volta disfatta la valigia a preso possesso della nostra stanza ci riposiamo un po’, che intensa sensazione quando una volta che Lei si è sdraiato a letto mi concede l’Onore di mettermi vicino a Lei, appoggiata con la testa sul Suo torace sotto alla Sua ala protettiva, una sensazione veramente Unica Padrone.

Restiamo cosi, per diverso tempo, in seguito una volta riposati, usciamo a fare una passeggiata per fare un sopralluogo ed assaporare ciò che la natura di questi posti, che Lei tanto ama, ci sa donare, a livello di profumi e di colori Padrone.
Per me condividere con Lei, quei posti che tanto ama, che sta facendo amare anche a me, perché li conosco anche attraverso le Sue descrizioni ed i Suoi occhi, dona sempre sensazioni molto intense Padrone.

Prima di arrivare l’orario di cena, si è divertito a giocare con le poppe, che Le appartengono, mordendo i capezzoli, strizzandoli, e vari giochini che Le piace molto fare, che a me eccitano e divertono molto Padrone.

Per chi legge, sembrerà molto strano, ma è cosi eccitante e divertente, essere a Sua completa disposizione h24, ovviamente il tempo non viene passato ad essere stimolati sessualmente, ma la Dominazione/sottomissione passano anche attraverso altre cose che possono essere anche semplicemente ordinare per me, chiedere il permesso di andare ad urinare, servirLa quando ne ho la possibilità, un Suo sguardo se mi sto comportando in modo errato Padrone.

Che bello passare la serata con Lei, andare a cena insieme, vestirmi come Le piace, passare sotto il Suo controllo anche durante la cena, sotto tutte cose molto intriganti ed eccitanti Padrone.

Il dopo cena, è una stupenda serata passata al lago per fare le foto in notturna che tanto Le piace, visto che stare in piedi con l’aria fresca non fa molto bene, alle mie vertigini, Le chiedo il favore che mi concede, di potermi sedere su una panchina mentre Lei sta scattando le foto, ma cmq col mio pensiero sono accanto a Lei mentre scatta, una stupenda sensazione Padrone.

Dopo le fotografie in notturna ed il conseguente giretto, ci ritroviamo di nuovo in camera per prepararci a dormire, mi fa strano sapere di poter dormire assieme a Lei, nello stesso letto, sentire il Suo calore vicino a me, Le Sue mani che si insinuano sul corpo che Le Appartiene, che sfiora e strizza i capezzoli, che gioca con la fica, che sfiora il culo Padrone.

Che emozione addormentarmi accanto a Lei, di conseguenza risvegliarmi accanto a Lei, che dopo avermi svegliata, iniziare a giocare con il corpo che Le Appartiene, mordendo i capezzoli, stimolando il clitoride, sculacciando il culo, tirandomi a sé per giocare con il Suo cazzo, stimolandolo con la bocca e la lingua, LeccandoLe i testicoli, eccitandoLo Padrone.

Mi ha concesso l’Onore di giocare col Suo cazzo, ed è stato cosi eccitante, che la mia fica era già fradicia appena sveglio, Le Sue mani s’immergevano nella fica per stimolarla, eccitarla, farla bagnare sempre di più, farmi impazzire dal desiderio di godere, che arriva fino al punto che stritolo il lenzuolo sotto le mie mani, per impedire al mio corpo di agire senza il volere della mia mente, quando sono quasi sul punto di rischiare di venire, avete bontà di me e mi concedete l’Onore di venire con un orgasmo intenso e copioso che mi porta ad avere brividi scuotenti Padrone.

La ringrazio infinitamente per avere concesso a questa umile schiava, di poter godere attraverso le Sue sapienti mani Padrone.

La giornata di sabato trascorre tra colazione assieme, anche questa situazione per me nuova perché non avviene quotidianamente mi arreca emozione Padrone.

Dopo aver fatto colazione, prendiamo la macchina, ed arriviamo fino al luogo da Lei prescelto per fare la passeggiata in montagna Padrone.

E’ sempre una stupenda sensazione, passeggiare in montagna con Lei, in quanto mi fa conoscere dei posti sempre fantastici Padrone.

Sabato mattina siamo andati all’ex forte di Busa Verle al passo Vezzena ( era uno dei luoghi capisaldi durante la breve ma intensissima guerra die forti avvenuta durante il maggio del 1915 ndr), incredibile quanta storia ci sia dietro a questi luoghi che malgrado trascorsi tutti questi anni ed abbiamo passato la guerra, malgrado le rovine siano ancora in piedi Padrone.

un roccaforte incredibile immerso nel verde, che passeggiando verso la montagna si arriva al passo Vezzena ed alla malga, incredibile vedere i fiori che malgrado la stagione autunnale siano ancora in fiore Padrone.

È bello assaporare con Lei i profumi della natura, il verde dei prati, conoscere i fiori che non ho mai visto alle mie latitudini che Lei ben conosce perché ha esplorato molto questi luoghi che tanto ama Padrone.

Trascorriamo dei stupendi momenti insieme a scattare le foto alla natura che ci circonda, ai panorami che ci godiamo, fino all’ora di pranzo Padrone.

Ci godiamo un bel pranzo, in un ristorante immerso in questo bel panorama, cibo gustoso e nostrano, una bella birra ad accompagnare il tutto Padrone.

E’ sempre molto interessante sentirLa parlare, raccontare quelle che sono l’esperienze che ha vissuto in montagna, cosa ha potuto assaporare in quei posti e come ha trascorso del bel tempo immerso nella natura Padrone.

Rientrati dalla montagna, ci concediamo i nostri soliti momenti che sono un misto tra riposo, giochi intriganti/ stuzzicanti e un assaporare i doni che ci dona quel luogo anche in termini di cibo Padrone.

Dopo questi momenti di recupero delle energie, riusciamo per immergerci nel verde della natura, prima andiamo a fare una visita al forte di Lavarone, sono rimasta affascinata dai colori delle foglie delle montagne attorno a noi, non ho visto un chiaro foliage perché la luce non era adeguata a quell’ora ma è stata veramente una visione fantastica Padrone.

Mi ha riportato alla memoria quando sono andata con Lei la prima volta, dopo poco tempo che ci conoscevamo ad abbiamo fatto una vacanza assieme a Lei ed alla Sua cagnolina Padrone.

Resto sempre molto affascinata da questi luoghi, che tanto mi donano in termini di serenità e ricarica energica Padrone.

Amo molto anche quando trascorriamo del tempo a passeggiare e vedere il lago coi Suoi mille colori che si rispecchiamo nello specchio del Lago, sarò ripetitiva ma è fantastico vedere quanto la natura possa donare in termini di energie, colori, panorami Padrone.

Vivere questi posti, mi dona sempre tante emozioni, tanta energia, mi nutre, se poi vissuti con Lei ha un sapore ancora più speciale Padrone.

Ci sono state delle fotografie che Lei ha scattato durante questo viaggio che mi ha veramente affascinato, quasi rapito per quanto la natura possa donare Padrone.

Rientriamo dalla nostra passeggiata, ci prepariamo per la cena assieme, che trascorre assaporando i cibi e parlando delle varie situazioni che abbiamo vissuto nel corso della nostre giornate di vita quotidiana Padrone.

Dopo cena, non usciamo in quanto il tempo si è raffreddato ed il panorama non si presta a fare fotografia ed inoltre perché Lei ha in mente altri programmi per la serata Padrone.

Saliamo in stanza, Lei si mette comodo e mi ordina di mettermi comoda anch’Io, inizialmente mi metto il babydoll che avevo indossato per dormire la sera precedente, Lei mi guarda e mi chiede chi mi ha detto di indossare quello, quindi mi fa spogliare nuda inizialmente Padrone.

Dopodiché mi date le indicazioni di indossare il vestito da cameriera e quindi fare un giochetto di ruolo, devo versare con emozione dell’acqua nel bicchiere, ma ovviamente essendo sbadata sbaglio a versare acqua e di conseguenza scatta la punizione, mi fate alzare la gonna ed iniziate a colpirmi con 10 colpi di cane e colpi con Le Sue possenti mani , assestandomi un bel culo rosso e pieno dei Suoi segni Padrone.

Mi fate indossare la maschera, mantenendo indossata la tenuta da cameriera in pvc, mi colpisce dapprima con Le Sue mani poi il filo ed in ultimo il cane, alcuni colpi sono stati interrotti dalla safe perché più che dolore avvertivo un importante ed intenso bruciore/calore Padrone.

Un altro step è stato quando una volta indossato il body sexy a rete in pvc, messa la maschera, mi ha legato i seni e applicata la ball gag mi fate sistemare seduta al bordo del letto, dopo una lunga intensa pausa in cui la mia testolina si eccitava ma nello stesso contempo cercava di capire cosa mi aspettava, quali fantasie avrebbe partorito la Sua sadica mente Padrone.

Dopo quel momento interminabile, avete preso a colpire prima col filo elettrico ( in diverse occasioni ho alzato la mano come forma di safe in quanto il bruciore quando il filo colpisce i capezzoli è veramente qualcosa d’intenso) in seguito è stata la volta del cane altri colpi molto intensi Padrone.

Col seno ben segnato dai colpi ed il culo che non poteva certamente lamentarsi, la ciliegina sulla torta è arrivata quando una volta sistemati a letto avete cominciato a divertirSi a mordere sia il culo che le tette, assestando coi i Suoi denti ben affilati dei morsi copiosi al culo, ai capezzoli, alle cosce, e perfino il monte di venere un bruciore intenso che non si può spiegare Padrone.

È stato molto divertente, intrigante ed eccitante in quei momenti in cui ha morso le varie parti del corpo, è stato fantastico vedere nei Suoi occhi quel senso di gratificazione che Le dono quando giochiamo assieme, quando è felice perché sente gratificare il Suo essere Dominante su di me, la Sua schiava Padrone.

È arrivato il momento di coricarsi, dopo i nostri momenti di gioco e di tenerezza, ci siamo addormentati Padrone.

L’indomani è giunto il momento di rientrare alle proprie case, mi sono sentita un po’ triste quando ho dovuto fare la valigia per il rientro, ma nello stesso contempo soddisfatta di ciò che è accaduto, di ciò che è successo durante questi tre giorni che abbiamo trascorso insieme Padrone.

Normalmente in altre situazioni quando ho dovuto per ovvi motivi staccarmi da Lei, ho sempre sentito una tristezza intensa, ma questa volta mi sono veramente goduta appieno e con un altro spirito i momenti con Lei Padrone.

Nel senso che sto cercando di immagazzinare e godermi maggiormente i momenti che trascorro con Lei, facendo tesoro in attesa di altri momenti futuri che sono certa trascorrerò con Lei, questo per evitare a me di soffrire, ed evitare a Lei di essere magari troppo pesante in alcune situazioni Padrone.

Grazie infinite per tutto ciò che mi ha donato in questi giorni passati assieme, per le emozioni, per i giochi che abbiamo fatto, per i panorami che mi ha fatto riscoprire e godere in Sua compagnia, per il cibo che abbiamo mangiato assieme, per avermi concesso ancora l’Onore di essere la Sua schiava Padrone.

La Sua schiava Luna piena Padrone.

25. agosto 2019 47. Incontro col Padrone (seconda parte)

E’ sempre difficile mettere nero su bianco quelle che sono le proprie sensazioni, perché le emozioni sono molte e bisogna farle uscire e qui diventa il complicato, perché spesso esternare porta con sé il rischio del giudizio o del disinteresse da parte degli altri Padrone.

Non so come mai, ultimamente faccio fatica a scrivere i post, forse perché ci sono emozioni che fatico ad esternare agli altri e non so dirvi per quale motivo Padrone.

Questo post, poi è molto più difficile in quanto questa sessione è stata molto differente e più intenso dalle altre volte dal mio punto di vista, a causa delle molteplici emozioni che ho provato Padrone.

Prima di arrivare a questo incontro, ci sono stati tramite whatsapp dei Suoi messaggi molto intensi, un Suo modo per farmi capire determinati concetti, per arginare precise modalità di pensieri negativi che spesso affollano la mia mente durante il periodo pre mestruale e mi fanno diminuire maggiormente la mia autostima Padrone.

Accolgo e faccio tesoro dei Suoi messaggi dove esprime i Suoi pensieri in merito a certe mie modalità di agire, d’accordo con Lei fino ad un certo punto, perché non concordiamo sulla modalità in cui esprime i Suoi pensieri Padrone.

Ma giustamente Lei è il Padrone ed io la Sua schiava che impara lezioni di vita da Lei Padrone.

L’emozione sale, il mio stato emotivo premestruale pure che mi porta a piangere ad ogni minima cosa, diciamo che negli ultimi tempi la situazione è maggiormente intensa da questo punto di vista, credo si sia accorto anche Lei Padrone.

Fino al sabato non è ancora chiaro se ci saremmo visti o no, cmq si decide per avere l’incontro il giorno successivo cioè la domenica Padrone.

Le Sue indicazioni che ricevo via wa prima dell’incontro, sono molto chiare, gonna e camicia da decidere io, con intimo a causa del mestruo, scarpe comode e da portare con me solo il rossetto, preservativi e maschere, tutto il resto, come Le chiedo via wa, sarà portato da Lei Padrone.

Il viaggio in treno, che per me a causa dei problemi di salute di cui soffro è sempre fonte di emozione/ansia, ma avviene sempre senza grossi sussulti Padrone.

Quando prendo la coincidenza per arrivare a destinazione in prossimità della stazione in cui devo scendere, l’emozione aumenta sempre di più, soprattutto quando arrivata alla stazione, mi avvicino alla macchina per incontrarLa un brivido percorre sempre la mia schiena ed un sorriso si stampa sul mio volto Padrone.

Felice di porterLa reincontrare dopo diverso tempo, rivedere il Suo volto, le Sue sapienti mani e sentire la Sua voce ha sempre un certo impatto su di me, sono cose che Lei sa benissimo Padrone.

Durante il pranzo, chiacchieriamo di diverse temi, anche molto frivoli, ma in un determinato momento trovo il coraggio di portare il discorso sui Suoi messaggi ricevuti è sulla modalità in cui ha espresso i Suoi pensieri Padrone.

Premetto, che durante il periodo premestruale sono una donna con la lacrima facile (lo scrivo per chi legge e non ha modo di relazioni con me), nel momento in cui abbiamo avuto questo scambi di pensieri e sensazioni sono scoppiata fortemente a piangere e mi sono nascosta in bagno, lasciando Lei al tavolo da solo Padrone.

Una volta che mi sono ricomposta, emozionalmente provata sono tornata al tavolo, dopo aver pagato siamo usciti dal ristorante per andare alla macchina e di conseguenza al motel in cui hanno luogo le sessioni Padrone.

Quando sono entrata nella stanza del motel ero ancora un po’ disturbata a livello emozionale, Lei mi parlava ma non riuscivo a connettere tutti i pensieri nella mia testa Padrone.

Per farmi calmare, perché ha notato che ero po’ “provata” mi ha donato il Suo regalo per il mio compleanno (nr. avvenuto il 14 agosto, ne ho compiuti 45…), è stato un momento molto intenso, ricevere regali da Lei mi riempie sempre il cuore, ero talmente provata da prima, che Le ho schioccato un casto bacio sulla guancia, anche se avessi potuto farlo Le avrei dato un bacio appassionato sulla bocca Padrone.

Provvederò alla prossima sessione, ovviamente col Suo permesso a darLe un bacio deciso sulla Sua bocca Padrone.

Dopo aver ricevuto il regalo, ed essermi avvicinata col Suo consenso a Lei, mi sono quietata emotivamente e sono rientrata nella mia dimensione di schiava al Suo cospetto Padrone.

Quando entro nella dimensione di essere Sua schiava, per me tutto il resto non conta, assaporo ogni emozione/ sensazione ed ogni mio gesto è fatto per poterLa soddisfare e rendere orgoglioso di me Padrone.

Mi aiuta a spogliarmi, Lei si sistema sul letto, mi ordinate di iniziare a LeccarLe prima il piede sx salendo lentamente fino all’inguine dopodiché passare al piede dx salendo fino all’inguine, una volta li su Suo ordine iniziare a leccare prima le palle e poi occuparmi del Suo cazzo Padrone.

Questo sono state Le Sue indicazioni, con impegno, calma e dolcezza ho iniziato a LeccarLe i piedi sono partita dal sx, ho leccato con cura un dito dopo l’altro, soffermandomi a succhiare con cura il Suo alluce del piede, passando la lingua tra le dita, sopra e sotto al piede, sono salita con la lingua lungo la gamba nel mentre le mie poppe sfioravano la Sua gamba fino ad arrivare all’inguine Padrone.

Finito col piede sx, sono passata a quello destro il mio viso sempre con lo sguardo volto a quello che stavo facendo, con la stessa cura e devozione mi sono occupata del piede dx e sono arrivata all’inguine come ordinato Padrone.

In seguito, mi ha concesso l’Onore di iniziare a leccarLe le palle, una leccata dopo l’altra che eccitavano la mia fica, l’eccitazione aumentava ogni qualvolta mi concedeva anche la possibilità di salire fino al Suo cazzo , che emozione poterlo leccare ed assaporarne il Suo odore e la Sua consistenza Padrone.

Durante i nostri messaggi via wa, mi ha riferito che in questa sessione avrei dovuto stimolare il Suo cazzo, per 5 minuti solo attraverso la bocca, con le mani bloccate dietro la schiena, fino a farLa schizzare Padrone.

Mi avete fatto alzare in piedi, messo le polsiere in modo che non potevo toccare il Suo cazzo, in ginocchio al Suo cospetto mi avete ordinato ed io golosa come sono di Lei, ho iniziato a leccarLe il cazzo, ad eseguire un pompino in modo che riuscissi a farLa venire, mi sono impegnata con tutta me stessa, alternando leccate e succhiate, ingoiando per bene il Suo cazzo per continuare a stimolarLa fino a provare a farLa venire, sento il Suo cazzo duro e possente nella mia bocca Padrone.

Mi sento emozionata ed eccitata molto per avere l’Onore di poterLa far venire attraverso la mia bocca, nei nostri incontri di solito è Lei che scopa la mia bocca, che cosa elettrizzante essere io a poterLa spompinare,sentire il Suo cazzo crescere nella mia bocca Padrone.

Dopo vari minuti, non so dirLe quanto tempo è passato malgrado che il Suo cazzo fosse eccitato e duro, non sono riuscita a farLa venire, quindi Lei ha preso il controllo della situazione ed ha iniziato a “smanettarSi” davanti al mio viso, io con la bocca aperta, ho aspettato che Lei sborrasse su di me o nella mia bocca, alla fine ha optato per venire su di me, qualche schizzo è arrivato anche nella mia gola, ho trattenuto fino al momento che mi è stato ordine di alzarmi ed andare in bagno a sistemarmi Padrone.

La ringrazio per avermi concesso l’Onore di farLe un pompino (anche se come mi ha riferito il giorno seguente su mia domanda, devo migliorare nell’arte del pompino) Padrone.

La ringrazio per avermi concesso l’Onore della Sua sborra Padrone.

La ringrazio per avermi concesso l’Onore della Sua compagnia Padrone.

L’incontro è proseguito con momenti nostri di calore umano, momenti in cui mi nutro di Lei, in cui mi sento avvolta dal Suo calore, dalla Sua presenza Padrone.

Momenti in cui gioca con le mie poppe, gioca col mio culo Le piace molto mordere sia le mie chiappe, che i miei capezzoli Padrone.

Leggo la Sua soddisfazione nei Suoi occhi, nel Suo viso, nelle Sue risate fragorose quando mi morde sia i capezzoli o le chiappe Padrone.

Grazie infinite per ogni attimo che anche questa volta ha trascorso con me e di concedermi l’Onore di essere Sua schiava Padrone.

La Sua schiava Luna piena Padrone.